Stacks Image 50

L'attività non consiste semplicemente nell'inviare i link ai motori di ricerca come Google e Bing?



Durante i nostri anni a direzione del settore di ricerca, più volte abbiamo sentito parlare di problemi "80-20" (vedi
Pareto). Spesso il 20% del problema è l'80% del lavoro. Diventare un buon SEO è proprio questo, lavorare per l'80% del proprio tempo per risolvere quel 20% dei problemi che in pochi sanno affrontare.
L'80% della scienza SEO è online gratuitamente, sfortunatamente, il restante 20% è difficilissimo da trovare e molto complesso da applicare.

Prima di continuare la navigazione di questo sito, consiglio di leggere questa lista:

* robots.txt
* sitemap
* nofollow
* 301 redirect
* canonicalization

Se qualche termine non fosse chiaro consiglio di leggere
le guide SEO online di Google e Bing, oppure in mancanza di tempo di contattare 42yo.com, sarà un piacere poterVi aiutare.



Rilevanza



Ipoteticamente, il motore di ricerca migliore dovrebbe avere un team di esperti su ogni argomento in tutto il mondo, un organico abbastanza grande per leggere, studiare e valutare tutti i documenti pubblicati sul web, in modo da poter restituire i risultati più accurati, per ogni richiesta ricevuta dagli utenti.

Se ricordate bene
Yahoo cominciò proprio con questa strategia, poi un giorno i ragazzi di Google utilizzarono il misterioso potere dei link. Anche se un webmaster può facilmente manipolare ogni cosa (scelta delle parole, inserimento di parole chiave, link interni, e così via) sul proprio sito web, è molto più difficile influenzare i link in entrata. Questo legame naturale agisce come una buona metrica per identificare le pagine legittimamente popolari.

I motori di ricerca stanno superando l'indicizzazione banale, cercando di costruire rilevanza scalabile. Il modello attualmente vincente è costruito intorno alla valutazione delle caratteristiche dei contenuti web.

Ci piace citare due contenuti importanti, il papà di Google, un italiano
Massimo Marchiori: il primo ad introdurre il concetto di hyperinformation (iperinformazione), ed ecco il primo algoritmo di Google proprio basato anche sul lavoro di Marchiori.

42yo.com è un laboratorio tecnologico Veneto d'avanguardia (locato a Cittadella tra Padova, Treviso e Vicenza) .